Img preview

Biodegradable solutions for packaging of liquid dairy products

DISSEMINATION ACTIVITIES

Type of information: NEWS

In this section, you can access to the latest technical information related to the BIOBOTTLE project topic.

Novamont guarda anche ai PHA

Progetto di ricerca con Gruppo CAP per studiare la produzione su scala industriale di poli-idrossi-alcanoati dai fanghi urbani.

7 novembre 2018 17:40

La sintesi di bioplastiche a base PHA da acque reflue e l’impatto delle microplastiche sugli impianti di depurazione e sui fanghi sono i primi due progetti di economia circolare previsti dall’accordo di partnership siglato oggi a Ecomondo da Novamont e Gruppo CAP, azienda che gestisce il servizio idrico integrato sul territorio della Città Metropolitana di Milano.

Più in generale, l’obiettivo della partnership - affermano le due aziende - è rigenerare le risorse, riportare il carbonio organico di qualità nel suolo, garantire la qualità delle acque e ottenere da queste operazioni nuovi prodotti a valore aggiunto.

ANCHE PHA. Per quanto possa suonare strano, Novamont vanta una lunga ricerca e brevetti nel campo della produzione e applicazione di poli-idrossi-alcanoati (PHA), anche se nella produzione di Mater-bi ha sempre seguito altre strade, come i biopolimeri a base amidacea. La collaborazione nasce dalle attività di ricerca che Gruppo CAP sta portando avanti nei suoi impianti per il recupero e la valorizzazione di prodotti e sottoprodotti derivanti dai fanghi della depurazione. Lo scopo è dimostrare la possibilità di produrre su scala industriale PHA dai fanghi urbani grazie a consorzi microbici naturalmente presenti in depurazione. Per ora la ricerca è allo stadio di laboratorio, ma la società novarese ha capacità e know-how per scalare in breve tempo il processo a pilota, qualora i risultati siano promettenti, per poi passare a livello industriale.

IMPATTO DELLE MICROPLASTICHE NEI DEPURATORI. Con il filone ecodesign di microplastiche per l’industria cosmetica, i due partner vogliono invece studiare gli effetti dei microbeads presenti nei prodotti cosmetici sugli impianti di depurazione e sui fanghi, individuando parametri di sostenibilità ambientale in relazione alle qualità delle acque.
La scelta non sembra casuale: a fine settembre, Novamont ha annunciato l’ingresso nel settore delle microplastiche biodegradabili per cosmesi, ottenute con biopolimeri amidacei opportunamente funzionalizzati, forniti il marchio Celus-Bi (leggi articolo).

“Siamo particolarmente lieti di poter collaborare con il Gruppo CAP allo sviluppo di tecnologie in grado di rigenerare risorse naturali soggette a grave degradazione, come l’acqua e il suolo, due risorse essenziali per la vita e mai messe tanto a rischio come oggi dalle attività antropiche - commenta Catia Bastioli, amministratore delegato di Novamont -. Un ulteriore esempio della bioeconomia come ponte e acceleratore di innovazione tra diversi settori”.

Nella foto: Catia Bastioli, AD Novamont, con Alessandro Russo, presidente e AD di Gruppo CAP.

© Polimerica -  Riproduzione riservata

Numero di letture: 383

» More Information

« Go to Technological Watch








This project has received funding from the European Union’s Seventh Framework Programme for Research, technological development and demonstration (FP7/2007-2013) under grant agreement n° [606350].

AIMPLAS Instituto Tecnológico del Plástico
C/ Gustave Eiffel, 4 (Valčncia Parc Tecnolňgic) 46980 - PATERNA (Valencia) - SPAIN
(+34) 96 136 60 40
biobottle@aimplas.es